Storia dell'alimentazione

Sapori italiani 100% ?
Siamo sicuri?

La cucina italiana oggi è il frutto di una tradizione gastronomica lunga e complessa, capace di incorporare nei secoli dentro di sé, differenti culture alimentari. 

Nonostante sia molto diffusa l’idea che la cucina tradizionale italiana si autocefala e si sia ‘formata da sé’, senza apporti culinari esterni, sono molti i piatti e gli ingredienti diventati ambasciatori della cucina italiana ad essere nati altrove

Tè etc..webp

Cibo migrante, giunto in Italia in varie maniere:

 

-con gli ‘stranieri’ per poi diventare familiare e uno di casa

(basta pensare alla salsa di pomodoro che oggi è in tantissime ricette, alle patate presenti in tante ricette come gli gnocchi, i supplì, il gateau di patate, etc...);

 

 

-Con i viaggi degli esploratori (ricordiamoci che pomodoro, patate, peperoni, peperoncini, cacao, melanzane, tutti i fagioli tranne quelli dall'occhio, quasi tutte le zucche, caffè, tè, zucchero sono ingredienti che sono stati importati in Italia),

 

come ingredienti preziosi

(erano gli ingredienti ricercati dalle élite del tempo per esprimere il loro status sociale, come spezie rare al tempo, ad esempio chiodi di garofano, pepe nero, cannella, zafferano e poi zucchero, caffè);

 

 

 

come alimenti in grado di risolvere i problemi di alimentazione del territorio

(ricordiamoci che pasta, patate, fagioli, zucca, stoccafisso, mais furono cibi che contribuirono a risolvere il problema della fame).

Anteprima_edited.jpg

Marco Sadori scrive di storia dell'alimentazione e degli interscambi culturali a tavola tra l'Italia e gli altri Paesi. Ha pubblicato la raccolta di storie brevi incentrate sul cibo Racconti sottolio (con un glossario dedicato ai cibi del mondo) per Ultra edizioni e ha in corso di pubblicazione con la casa editrice Leucotea, un doppio saggio sulla Storia della cucina italiana dall'antica Roma ai giorni nostri. 

Scrive articoli sui cibo e altri piaceri superflui e organizza workshop e conferenze sull'argomento.

Per collaborazioni scrivere a: irisbandb@gmail.com

o contattare il 328 27 70 147